Gruppo Anarchico Carlo Cafiero – Bari
Antiautoritarismo e Anticapitalismo, Libertà ed Emacipazione dalla schiavitù, Comunismo-Anarchico e Autogestione Sociale – in costruzione
Antinucleare

    (adesivi)

P.F., Un Campeggio antinucleare, A rivista anarchica, Milano, n. 106, Dicembre 1982/Gennaio 1983

Rivista Anarchica pubblicò prima la notizia dell’iniziativa e successivamente un resoconto del “Campeggio Antinucleare Anarchico” che si tenne a Chiatona, presso Taranto, nell’agosto ‘82, organizzato per contrastare la decisione del governo regionale di imporre un piano energetico che prevedeva la costruzione di una centrale a carbone a S. Pietro Vernotico e di una centrale nucleare a Carovigno o Avetrana.

Nel resoconto venivano evidenziate le difficoltà che i partecipanti del campeggio trovarono nel cercare di stabilire un contatto con la popolazione locale, per far comprendere il loro rifiuto al nucleare, ma anche gli aspetti positivi individuati nell’esperienza autogestionaria che i membri del campeggio portarono avanti per venti giorni.

(Non appena possibile pubblicheremo il documento finale dell’assemblea del campeggio, che fu pubblicato in due parti su Rivista Anarchica e Umanità Nova e i cui contenuti, per alcuni aspetti,  furono profetici nel prevedere quanto sarebbe accaduto in futuro attorno e nel Mar Mediterraneo, sia per gli aspetti energetici che militari e bellici.)

La campagna contro l’insediamento delle centrali nucleari in Puglia, condotta in quegli anni dal movimento antinucleare e di cui il movimento anarchico pugliese era parte, e, soprattutto, il ‘disastro di Černobyl’ del 1986, contribuirono al successo del referendum abrogativo del 1987 (conteneva tre norme che riguardavano il nucleare) promosso dal Partito Radicale.